Cosa sono gli Hoverboard? Come funzionano, istruzioni per la guida e normativa vigente, accessori, marche, prezzi e migliori modelli del 2019

Sono passati più di vent’anni da quando tutti noi rimanemmo a bocca aperta davanti alla scena cult di “Ritorno al futuro” in cui il protagonista Marty McFly scappava da un gruppo di bulli del suo utopistico futuro con uno skateboard volante. Oggi quelle immagini sono molto più vicine alla realtà di quanto possiamo pensare, perché in commercio sono finalmente arrivati i futuristici Hoverboard!

Ovviamente a differenza del film noi non potremo di certo volare, ma la sensazione di planare sull’asfalto senza per forza doverci dare una spinta con i piedi è assolutamente garantita. Vediamo meglio di cosa si tratta e cerchiamo di capire perché gli hoverboard stanno riscuotendo sempre più successo.

Cosa sono gli hoverboard?

Da ormai un paio d’anni gli hoverboard sono comparsi sul mercato, riscuotendo tantissimo successo: si tratta di una sorta di evoluzione tecnologica dello skateboard che rappresenta un po’ il mezzo di trasporto del futuro. Questo skate motorizzato è caratterizzato da due ruote in posizione parallela che sono collegate a dei sensori di peso e di movimento che consentono di manovrare questo particolare mezzo di trasporto.

I primi modelli di Hoverboard nacquero in Cina, ma ben presto vi fu un vero e proprio boom negli Stati Uniti e successivamente nel resto del mondo. Il termine “hover” significa letteralmente “librarsi, svolazzare”, ma è accettato anche il significato di “gironzolare”, azione che rispecchia pienamente l’attività effettuabile con un hoverboard.

Le ruote degli hoverboard sono di due grandezze standard: per i modelli base si aggirano intorno ai 6 pollici, fino ad arrivare a 10,5 per i modelli extra large, che però è meno portabile. Per quanto riguarda il peso, questi è di media vicino ai 10 Kg, quindi non si tratta di un oggetto propriamente comodo da trasportare sotto braccio.

Come funzionano?

Come abbiamo già accennato, gli hoverboard hanno due ruote collegate ad un motore elettrico a batteria: il motore a sua volta riceve gli impulsi dei sensori di movimento che captano l’inclinazione dei nostri piedi.

Salendo con i piedi sulla tavola l’hoverboard si attiverà e inizierà a muoversi solo in risposta ai nostri movimenti. Pertanto inclinando i piedi in avanti potremo avanzare e in base al grado di inclinazione vi sarà un aumento della velocità corrispondente.

Ovviamente l’hoverboard garantisce di muoversi in più direzioni, pertanto esercitando una pressione sul piede sinistro piuttosto che sul destro (e viceversa), ci si potrà spostare lateralmente. State pure tranquilli che fermarsi sarà ancora più semplice: basterà infatti ridurre l’inclinazione e tornare in posizione eretta.

La massima velocità raggiungibile da un hoverboard varia dai 10 ai 20 chilometri orari: non aspettiamoci dunque di sfrecciare da un posto all’altro a tutta velocità: questi moderni skate devono rappresentare una valida alternativa al camminare a piedi, ma non saranno mai veloci quanto una bici. Inoltre in genere la loro autonomia è di circa una ventina di chilometri, ma possono esserci delle variazioni in base al modello in proprio possesso.

Alimentazione

Come già accennato, gli hoverboard garantiscono un’autonomia pari a circa 20 chilometri, perchè funzionano tramite una o più batterie ricaricabili.

Il tempo minimo di ricarica è di 2 o 3 ore circa, ma si tratta di una statistica variabile da modello a modello. La cosa più importante da attuare in fase di ricarica è quella di monitorarne spesso lo stato, quindi si sconsiglia di effettuare ricariche notturne, perché in passato vi sono stati episodi di incendi e di esplosioni dovute alle batterie al litio.

Dunque è un dato di fatto che i primi modelli usciti sul mercato siano stati sommersi da tantissime critiche per il fattore batteria, non solo da un punto di vista della sicurezza, ma anche per le prestazioni e per la durata dell’autonomia dell’hoverboard. Ricordiamoci quindi che la qualità delle batterie è un fattore fondamentale che deve essere considerato al momento dell’acquisto.

Oggi le batterie degli ultimi modelli usciti sono sicuramente migliorate in materia di sicurezza, ma in ogni caso nei vari marketplace, ovvero i negozi presenti in rete, sono presenti tantissime tipologie di batterie, che possono essere facilmente sostituite all’occorrenza.

Per caricare il vostro hoverboard sarà sufficiente collegare il caricatore alla tavola e successivamente alla presa di corrente. In genere una spia luminosa o un simbolo vi indicheranno quando la carica sarà completa al 100%.

Quale scegliere

Indicarvi un modello di hoverboard che sia il migliore in assoluto non sarebbe un’ impresa semplice, dal momento che esistono tantissimi modelli diversi tra loro, sia dal punto di vista estetico che da quello delle funzioni. In questa guida cercheremo di agevolarvi indicando una serie di fattori che vi consentiranno di effettuare una scelta d’acquisto consapevole.

  • Per prima cosa occorrerà valutare bene a cosa ci servirà l’hoverboard, il suo scopo, ovvero se lo useremo per sporadiche passeggiate, per recarci al lavoro giornalmente o per far divertire i più piccoli della famiglia. Quindi sarà fondamentale individuare un modello adatto o agli adulti o ai bambini a seconda delle necessità.

Generalmente gli hoverboard per adulti arrivano a sorreggere pesi fino a 180 Kg, possiedono una struttura più solida e motori più potenti. Ovviamente i modelli per bambini sono molto più leggeri e semplici, paragonabili quindi più ad un giocattolo tecnologico che a un mezzo di trasporto vero e proprio.

  • Un secondo aspetto da valutare bene è la qualità dei materiali della struttura e del motore; un telaio solido e robusto è una caratteristica che non può essere tralasciata, perché si correrebbe il rischio di rompere la nostra tavola e anche di farci seriamente male. Inoltre un motore potente garantirà spostamenti più veloci e in sicurezza, senza il rischio di uno spegnimento improvviso dovuto ad un guasto.

Per trovare un modello di qualità dovremo documentarci leggendo le varie recensioni lasciate dagli utenti sul web: fidatevi che non vi è giudizio migliore di chi abbia provato il dispositivo personalmente.

  • Inoltre anche evitare di acquistare un hoverboard troppo economico rappresenta una scelta intelligente, perché un prezzo esageratamente basso non può che indicare una scarsa qualità dei materiali. Infine, se siamo in grado, potremmo anche confrontare le specificità tecniche dei vari modelli di hoverboard, valutando i punti di forza e di debolezza del prodotto di nostro interesse.
  • Non dimentichiamo poi di informarci sul tempo necessario alla ricarica completa della batteria; come già accennato all’inizio di questa guida, assicurarsi di acquistare un hoverboard con una batteria funzionante e sicura è una priorità sia per quanto riguarda la nostra incolumità, sia per quanto riguarda il massimo sfruttamento delle potenzialità del prodotto.

Da una batteria di qualità dipenderanno la velocità massima raggiungibile dalla tavola, il maggior numero di autonomia, consentendo quindi l’utilizzo su grandi distanze, ma soprattutto la possibilità di usare il nostro dispositivo in qualsiasi momento. Pertanto risulterà sicuramente vantaggioso optare per un batteria che si ricarichi in 2 ore, piuttosto che per una che  necessiti di tempi più lunghi.

In ogni caso tutte le informazioni sulla batteria in dotazione con il prodotto sono facilmente reperibili sui manuali di istruzioni allegati o sui siti internet del marchio di fabbrica.

  • Un altro fattore da valutare è il peso della tavola o, per dirla in termini più appropriati, il grado di comodità del trasporto del nostro hoverboard (sotto braccio o nell’apposita custodia). Come già ampiamente ribadito, gli hoverboard non sono propriamente leggeri, nè tanto meno tascabili.

Il peso medio varia dai 10 ai 15 kg, quindi la differenza è davvero minima, ma per essere più comodi nel trasporto, un’opzione da attuare sarebbe quella di optare per una borsa o una sacca a tracolla, magari con l’imbottitura così da non gravare esageratamente sulle spalle.

Spesso le custodie, le sacche, gli zaini, sono già venduti insieme al prodotto, ma se così non fosse nei negozi, virtuali e non, vi è un’ampia scelta di prodotti a nostra disposizione.

  • Infine, ultimo aspetto da valutare, ma non certo per minore importanza, è la presenza di una garanzia o  comunque della possibilità di fare il reso del prodotto in caso di non conformità o mal funzionamento.

Ricordiamoci sempre di acquistare in negozi seri, conosciuti, aventi un servizio clienti affidabile e costantemente a disposizione dell’acquirente. Si sconsiglia di acquistare un prodotto usato, magari da un venditore privato online, soprattutto se sprovvisto di garanzia e del manuale con le specifiche tecniche del prodotto. Pensiamo sempre che l’hoverboard è un vero e proprio mezzo di trasporto, il cui malfunzionamento potrebbe causare danni a noi o a terzi.

In questa utile tabella saranno riassunti i fattori da valutare per una scelta di acquisto ottimale:

FATTORICONSIGLI
ScopoUso giornaliero o passeggiate sporadiche
QualitàMateriali del telaio e potenza del motore
RecensioniLeggere informazioni degli altri acquirenti
PrezzoEvitare modelli troppo economici, sinonimo di scarsa qualità
BatteriaQualità della batteria e tempi di ricarica
TrasportabilitàPeso della tavola e presenza di zaino/sacca per il trasporto
GaranziaNegozi affidabili, assistenza clienti e politiche di reso

Accessori

Dopo aver valutato tutti gli aspetti di cui abbiamo ampiamente parlato, in materia di sicurezza, qualità, trasportabilità eccetera, passiamo alla parte più piacevole dell’acquisto di un hoverboard. Mi sto riferendo ai tantissimi modi per personalizzare il nostro skate elettrico, sia che gli accessori siano in dotazione con lo stesso, sia che dovessimo acquistarli a parte.

I modelli più moderni infatti possiedono luci led, la funzione bluetooth, un accessorio che prende il nome di “hoverkart” e tante tipologie di cover diverse.

Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

  1. LE LUCI LED: la presenza di fari led, sia laterali che frontali, è una caratteristica molto apprezzata dagli amanti degli hoverboard, sia grandi che bambini. La possibilità di passeggiate serali sul nostro skate motorizzato, con luci colorate che brillano al buio, è davvero un motivo di divertimento, ma anche di sicurezza. Infatti non dimentichiamoci che le luci led hanno principalmente lo scopo di illuminare il percorso che ci accingiamo ad attraversare, segnalando eventuali avvallamenti o buche nel terreno.
  2. IL BLUETOOTH: la possibilità di collegare il nostro cellulare o lettore mp3 all’hoverboard non è affatto un sogno irrealizzabile: la maggior parte dei modelli possiede infatti la connettività bluetooth e una cassa integrata, così che durante le passeggiate quotidiane avremo la nostra musica preferita sempre di sottofondo.
  3. LE COVER: generalmente siamo abituati a pensare alle cover solo come alle custodie per proteggere i nostri smartphone da cadute accidentali. In realtà in commercio esistono tantissime varianti di cover per hoverboard, dai colori più tenui a quelli più sgargianti e fantasiosi, che non solo ci permetteranno di personalizzare al massimo la nostra tavola, ma avranno anche una funzione protettiva da graffi e intemperie.
  4. L’HOVERKART: come suggerisce la parola stessa, con questo accessorio sarà possibile trasformare la pedana dell’hoverboard in un vero ed autentico kart. Si tratta di uno strumento che va collegato alla tavola, dotato di un sellino, di due leve laterali e di una ruota centrale, che ci permetteranno di guidare l’hoverboard stando seduti, inclinando la pedana con il movimento non più dei piedi, ma delle braccia.

Marche e prezzi

Nella scelta di un hoverboard, sicuramente il prezzo è un aspetto importante: come già detto non lasciamoci convincere da un prezzo troppo basso, perché questo vorrebbe dire trovarsi tra le mani un giocattolo per bambini o un modello di scarsa qualità. Nei vari store online, dai più famosi a quelli specifici del settore, vi sono hoverboard venduti a partire da un minimo di 100 euro fino ad oltre 1000 euro. Perché questa grande differenza di prezzo? La risposta è semplice e la troviamo nella marca, nella qualità dei materiali e negli accessori in dotazione.

Le case produttrici di hoverboard sono davvero numerose, sia europee che extra europee (ricordiamo che i primi modelli di skate elettrici vennero inventati in Cina): particolarmente famose sono Nixon, Evercross, Razor, Tekk, Nextreme, Mediacom, Smartway e Twodots eccetera. Per ognuna di queste marche vi sono sia modelli più basilari ed economici, che altri pluri-accessoriati e costosi.

In questa tabella verranno riportati i prezzi, dal più basso al più alto, suddivisi in base alle singole marche:

MARCHEPREZZO MIN/MAX
Nilox100 euro/179 euro
Evercross97 euro/ 268 euro
Razor84 euro/549 euro
Tekk144 euro/450 euro
Nextreme169 euro/349 euro
Mediacom111 euro/489 euro
Smartway149 euro/200 euro
Twodots139 euro/179 euro

Normativa

Dopo avervi fornito tutte le informazioni su qualità, batterie, modelli, accessori, marche e prezzi, dobbiamo analizzare una questione importantissima, ovvero la normativa vigente sull’utilizzo degli hoverboard. Questi dispositivi per legge rientrano nella categoria “acceleratori di andatura”, la stessa riservata a skateboard, pattini e monopattini.

La legge vieta la guida degli hoverboard sulla strada, intesa sia come carreggiata che come marciapiedi destinati ai pedoni. Tutte le informazioni specifiche su questo divieto le potete trovare all’articolo 190 del Codice della Strada, al comma 8 e 9.

Oltre a ciò, vi è anche un limite di velocità che deve essere tassativamente rispettato: non si devono superare i 6 Km orari se ci troviamo in un luogo pubblico. L’hoverboard dunque può essere guidato a velocità maggiori solo durante gare in corso, in luoghi appositi naturalmente, oppure in giardini e spazi privati.

La sanzione in caso di violazione di tali norme può variare da un minimo di 25 euro fino ad un massimo di 99 euro (si consiglia comunque di consultare sempre la normativa più recente perché potrebbero esservi stati aggiornamenti).

Quindi dove è possibile guidare l’hoverboard senza incorrere in violazioni del Codice della strada? La legge stabilisce che ne è consentito l’uso solo in luoghi a loro riservati, come ad esempio piste ciclabili o parchi. Naturalmente ogni Paese possiede leggi proprie, pertanto in caso di viaggi all’estero, informatevi sempre sulla normativa del posto e su eventuali restrizioni in materia.

Francesca Piscedda

E’ dai tempi del Liceo che la scrittura è tra le mie più grandi passioni. Da allora, e dopo aver conseguito una laurea in Letteratura, scrittura, editoria e giornalismo, condivido pensieri e offro consigli utili per la vita di tutti i giorni con chiunque abbia piacere di leggermi. Ciò che conta per me è che ciò che scrivo sia sempre interessante, chiaro, esaustivo e soprattutto sincero. D'altronde, come ha detto anche Ernest Hemingway, tutto quello che si deve fare è scrivere una frase vera. Scrivere la frase più vera che si conosce.

Back to top
Apri Menu
sceltahoverboard.it